Antifurto casa, quale scegliere: ecco qualche consiglio

0

Molte persone si chiedono se l’acquisto di un antifurto sia consigliabile. Provate ad aprire una qualsiasi pagina del giornale della vostra città o a navigare un po’ online alla ricerca delle notizie dell’ultima ora. Tra queste notizie non avete forse trovato molti furti o molti tentativi di furto? Sicuramente si, perchè purtroppo la microcriminalità è dilagante, dal Nord al Sud del nostro meraviglioso Bel Paese.

Pensare che solo alcuni decenni fa la maggior parte delle persone viveva con le finestre sempre aperte e con le chiavi inserite nella toppa di casa, così che fosse più semplice comunicare con i vicini e far entrare amici e parenti dentro alla propria abitazione! Bei tempi, ormai passati quelli. Adesso un antifurto è indispensabile, da acquistare assolutamente sia nelle case di proprietà che nelle case in locazione, perché i ladri non fanno una distinzione di questa tipologia.

Detto questo, viene naturale chiedersi quale sia il modello di antinfurto da scegliere.

Antifurto casa, quale scegliere? Ovviamente deve trattarsi di un prodotto di alta qualità, che sia in grado di garantire delle ottime performance. Ma questo da solo non basta. Vi consigliamo caldamente di effettuare i seguenti controlli:

  • Controllate che l’antifurto possa garantire una eccellente protezione quando siete fuori casa, ma anche quando siete in casa. Questo perché negli ultimi tempi sono proprio i furti con i residenti presenti in casa quelli in assoluto più diffusi. Meglio ancora se l’antifurto può essere utilizzato anche con le finestre aperte, in modo che durante i periodi estivi più caldi non dobbiate necessariamente soffocare per trovare la giusta protezione per voi e per la vostra famiglia.
  • Controllate che i sensori disponibili siano senza fili. In questo modo la loro installazione risulta semplice e anche nelle case in locazione potrete avere il vostro sistema contro i ladri, senza infatti dovere effettuare chissà che genere di lavori per la sua installazione. Il bello poi dei sensori senza fili è che potete modificare in ogni momento lo desideriate il perimetro della zona da proteggere. I sensori senza fili migliori sono quelli a batterie. Pensate che ne esistono oggi delle versioni che possono durare con le stesse batterie anche 5 anni! Attenzione però, sempre meglio che sia presente un indicatore dello stato della batteria, così da avere sempre la situazione sotto controllo.
  • I sensori devono poi anche essere compatibili, nel caso in cui li possediate, con gli animali domestici, pena il rischio che ogni volta che il vostro cane o gatto si muove l’allarme suoni.
  • Un buon sistema antifurto non deve informarvi della presenza di un eventuale ladro solo quando prova ad entrare in casa, ma anche quando prova ad entrare nei vostri spazi aperti. Anche giardini e balconi devono insomma poter essere protetti al meglio.
  • In caso di intrusione o di una tentata intrusione, ovviamente il sistema di allarme deve informarvi, meglio se con un messaggio sullo smartphone, ma è importante che controlliate che vi venga indicato anche qual è il sensore che ha rilevato la presenza di un intruso, così che possiate dirigervi immediatamente verso quella parte della casa.
  • Il sistema antifurto deve anche essere telegestibile da computer, smartphone e tablet ovviamente, così da poter avere sempre la situazione sotto controllo da remoto. Nel Caso in cui decidiate di installare delle videocamere di sorveglianza, anche queste devono poter essere gestite da remoto senza difficoltà.

Queste sono alcune tra le caratteristiche che a nostro avviso un buon antifurto deve necessariamente possedere, ma è anche importante controllare la tipologia di servizio che viene offerta. Se queste caratteristiche sono presenti, ma voi non avete alcun tipo di assistenza infatti non ha alcun senso. Accertatevi quindi che servizi assistenza sia disponibile ogni giorno dell’anno, anche nel fine settimana e nei festivi, e ovviamente 7 giorni su 7.

Share.